• L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
  • L'Ocarina di Fecchio Benvenuto e Pennoni Giuseppina
L'Ocarina

OcarinaL’ocarina è uno strumento a fiato di terracotta e appartiene alla famiglia dei "flauti globulari". La sua forma ovoidale è simile a quella di un’oca (da qui il nome “ocarina”, “piccola oca”), nasce a Budrio (BO) e all'inizio dello scorso secolo si diffuse notevolmente proprio nella zona del basso Polesine dove si poteva trovare facilmente ed in abbondanza, la materia prima per la sua creazione, l’argilla.Un'altra ocarina

 

L'origine dei "flauti globulari" è antichissima e riprende miti e leggende legati ai quattro elementi di base: terra, acqua, fuoco e aria.
La terra, materiale primo per la creazione di questo strumento, l’acqua, necessaria per dare forma alla terra, il fuoco, per la cottura ed infine l’aria, senza la quale lo strumento a fiato non avrebbe vita. Le mani sapienti degli artigiani locali oltre allo straordinario strumento, danno vita a "ocarine" (nel dialetto del basso polesine "ocarina" è tutto ciò che è di terracotta e suona) a forma di gufi, anatre, gabbiani, personaggi di fantasia...

 
© 2017 L'Ocarina di Fecchio Benvenuto - P.IVA: 00895240299
Prodotto realizzato all'interno del progetto IT-G2-VEN 056 ruralequality